2013
Luglio
15
Lun
Lunedì, 15 Lug 2013

Marciano, un campione normaleCiao a tutti. Come state? Io benissimo!! Proprio in questi giorni mi sto occupando di una cosa fichissima. Raccogliere storie dove lo Sport Coaching ha fatto la differenza,ed i protagonisti nemmeno se ne rendevano conto.

Già altre volte vi ho proposto storie di uomini che sono andati contro alle loro più grandi paure per realizzare un sogno. E non sto parlando di predestinati, ma di persone “eccezionali” dal punto di vista mentale, piuttosto che fisico.

Oggi è il turno di un campione per caso. Uno che nemmeno voleva praticarlo lo sport dove è diventato un re incontrastato. Stiamo parlando di: Rocco FrancesMarchegiano, ma è meglio chiamarlo col nome che l’ha reso una “leggenda” nella Boxe. Rocky Marciano!!!

Leggi tutto

2013
Luglio
08
Lun
Lunedì, 08 Lug 2013

Oggi si inizia a capire a tutti i livelli che per fare la differenza non basta solo il conoscere ma serve molto l'essereSono un coach, mental coach e spesso mi chiedono cosa faccio. Semplicemente rispondo che alleno la mente.

Leggi tutto

2013
Maggio
06
Lun
Lunedì, 06 Mag 2013

Vincere col Mental CoachingHo avuto un Flash! Chi ha fatto l’Excellence Coaching sa di cosa parlo (chi non lo ha ancora fatto vada di corsa a iscriversi!).

Leggi tutto


2013
Aprile
29
Lun
Lunedì, 29 Apr 2013

Campione senza bandieraNon è detto che un Campione in campo… lo sia anche fuori. Ma quando si trovano persone così, dal mio punto di vista, fanno quel salto in avanti che gli eleva a “CAMPIONE SENZA BANDIERA”, quelli che (a prescindere dalla fede, dalla simpatia…) sono applauditi a prescindere. Leggi tutto

2013
Aprile
23
Mar
Martedì, 23 Apr 2013

Scacco matto alle sconfitte col Mental TrainingScacchi? Si..si..proprio loro! E lo sapete perché? Nello Sport Coaching, come nella vita, bisogna fare come su una scacchiera…… Pensare tre mosse avanti!!!!

Leggi tutto


Il Mental Coaching per essere al 110%!
Lunedì 06 Settembre 2010

Con la F1 guidata da Alonso maestro di Mental CoachingOggi ho deciso di parlare di Mental Coaching applicato al calcio, ma di partire da un episodio che ho avuto la fortuna di vedere dal vivo circa un mese fa e che poco c’entra con il calcio.

Una veloce premessa: Ekis, oltre ad avere una sezione Coaching e Sport, ne ha una Corporate che ha come target le aziende, erogando (tra le altre cose) corsi e seminari.

In uno di questi seminari eravamo al circuito Ferrari di Fiorano con un cliente molto importante. Era l‘ultimo di 4 giorni di corso e questa grande azienda aveva preparato un regalo davvero speciale per i partecipanti (circa 40 persone): 3 giri di pista sulla Ferrari Formula 1. Naturalmente si tratta di una macchina appositamente modificata in modo tale che, oltre al posto del pilota, ce ne sono altri due per i passeggeri: la Ferrari F1 Three Siters (vedi foto).

Non male come regalo… ed il bello deve ancora arrivare: il pilota era niente popò di meno che il 2 volte Campione del Mondo Fernando Alonso!

Fernando era la prima volta che guidava la Three Siters, che ha una carlinga esattamente identica alla Ferrari Formula 1, semplicemente è stato ridotto il serbatoio per ricavare i due posti per i passeggeri.

La prima cosa che ho pensato, vedendo arrivare Alonso verso i Box, è stata: “Chissà che noia dev’essere per Fernado fare questo genere di cose!”. Lo so lo so, prende un sacco di soldi e sono giornate promozionali che sicuramente sono contrattualizzate, ma sinceramente se una cosa è noiosa, lo è sempre… quindi non credevo che lui fosse proprio felicissimo e invece… mi ha dato una grande lezione!

Come detto era la prima volta che lui guidava quella macchina e, dopo averla guardata accuratamente (addirittura le ha fatto qualche foto con il suo iphone), la prima cosa che ha chiesto appena è arrivato è stata: “Qual è il record della pista con lei (la macchina ndr)?”.

Ecco la mente del campione su cosa si focalizza: IL RECORD!

Le chiavi di lettura che io ci vedo sono due:

  1. L’atteggiamento mentale del vincente che mira sempre al top;
  2. Il porsi un obiettivo per rendere MOTIVANTE un qualcosa di apparentemente noioso.

Per quanto riguarda il primo punto, vi invito a rileggere un po’ di articoli sull’atteggiamento mentale vincente e sul focus mentale dei campioni, dove c’è spiegato praticamente tutto. Oggi voglio soffermarmi sul secondo punto.

Credo che Fernando sia stato Geniale! Ha saltato di slancio la risposta a questa domanda: Quando fai un qualcosa (nella vita sportiva e non) che ritieni inutile o noioso, il risultato finale quale sarà? Pensaci… sei in grado di dare il 110% in qualcosa che ti annoia? Attento, non ti ho chiesto se sei in grado di fare bene qualcosa che ti annoia, ma se sei in grado di farla al 110%.

Chiediti in quali cose della tua vita sei in grado o sei stato in grado di dare il 110% e cerca di capire che cosa le accomunava… non sono in grado di leggere nella mente, ma di una cosa sono sicuro: NON ERANO COSE NOIOSE!!!!

Tornando a parlare di calcio: che senso ha fare un’amichevole e giocare al 50%?

Praticamente tutte le squadre ad inizio stagione hanno triangolari, tornei, partite che sono organizzate dagli sponsor, etc., quante volte in queste partite brillano i campioni? Di solito chi fa la differenza sono i ragazzi della Primavera. Perché? Bè non solo perché gli viene dedicato spazio ma perché hanno una grande MOTIVAZIONE: vogliono mettersi in luce, vogliono far vedere quel che sanno fare. Hanno la possibilità di giocare con grandi campioni che forse hanno comprato la sera prima al Fantacalcio a casa di un amico o di cui forse hanno l’immagine appesa in camera da letto.

Ci vuole una MOTIVAZIONE per dare il massimo! Bisogna trovare un MOTIVO per AGIRE e ognuno di noi deve trovare il proprio!

Alonso ha chiesto qual era il record della pista con quella macchina e vi garantisco che era concentratissimo e tutti i meccanici attorno a lui controllavano ogni minimo particolare e seguivano ogni suo suggerimento. Probabilmente da quei 50/60 giri hanno trovato qualche piccola sfumatura che gli ha consentito di vincere la settimana dopo in Germania. Sarebbe bastato anche un piccolissimo particolare, ma non lo avrebbero trovato se lui fosse arrivato lì con un pensiero di questo tipo “Che due biiiiiiiip… oggi mi tocca portare in giro questi qua, speriamo di finire presto”.

Credo che questo sia un pensiero umano e che a molti di noi sarebbe potuto venire in mente e forse anche a lui, ma la forza del campione sta nel CAMBIARE questo pensiero focalizzandosi su un TRAGUARDO MOTIVANTE!

È passato dalla possibile noia, alla possibilità di battere un record… a chi non piace l’idea di essere un record-man?

Quello che voglio dire è che quando ti trovi in allenamento e davanti a te c’è una serie quasi interminabile di ripetute, oppure quando quell’ultimo balzo proprio senti che non ce la fai a farlo… e tu vorresti solo metterti la casacca e correre dietro a quel pallone. Pensa a quando avrai quell’alito di fiato in più del tuo avversario che ti consentirà di vincere una partita all’ultimo minuto, oppure pensa a quei pochi centimetri che riuscirai a saltare in più per respingere quella palla di testa che sarebbe immancabilmente arrivata all’uomo che tu stavi marcando in mezzo all’area. Pensaci… perché forse quel balzo in più, quello scatto in più in un freddo mercoledì di autunno, potrebbe fare la differenza e farti arrivare ai tuoi obiettivi di maggio.

Chi non è motivato prima di un partita importante di campionato o coppa? Nessuno! Questo succede perché il risultato è lì a distanza di 90’ ed è un qualcosa di CONCRETO (0, 1, 3 punti oppure passaggio o no del turno)!

Prima di un allenamento, di un’amichevole… non c’è questa voglia, manca il MOTIVO CONCRETO.

Concludendo: Vuoi essere sempre al 110%? Allora dai un MOTIVO MOTIVANTE (mi scuso per il gioco di parole) a ciò che fai… SEMPRE!

Se ti è difficile trovare una motivazione immediata, pensa a ritroso: chiudi gli occhi e vai con la mente a maggio quando dopo il triplice fischio dell’ultima partita hai la certezza di aver raggiunto gli obiettivi della squadra ed i tuoi personali. Come ti senti? Cosa vedi? Nota le persone attorno a te con quanta ammirazione ti guardano e percepisci i cori e gli abbracci dei compagni al centro del campo… in quelle situazioni non si vorrebbe mai uscire dal campo. Fai un bel respiro e senti quanto ti fa stare bene l’aver raggiunto quegli obiettivi! Tutti i sacrifici fatti in allenamento ora sono ripagati e appaiono come insignificanti al cospetto di una gioia così grande! Ricordati…. SACRIFICI INSIGNIFICANTI AL COSPETTO DI UNA GIOIA COSI GRANDE!

Ora che hai provato questa splendida sensazione, ogni volta che ti succederà di sentire di non essere al massimo o che qualcosa ti annoia, chiudi gli occhi per un istante e ripensa a quel momento… fai un bel sorriso, apri gli occhi e FAI QUELLO CHE DEVI FARE!

Solo quando dai il tuo meglio sei in grado di crescere e migliorare!

Giusepppe MontanariDi Giuseppe Montanari

 

I più letti

2010
Maggio
10
Lun
Lunedì, 10 Mag 2010

Nel mio ultimo articolo ti ho promesso che ti avrei raccontato perché nel lavoro di sport coaching uno degli elementi fondamentali per migliorare le prestazioni è visualizzare.

Leggi tutto

2011
Novembre
07
Lun
Lunedì, 07 Nov 2011

Maglie, Pettorali e MEDAGLIE di ragazzi che hanno usato tanto Mental Coaching e tantissimo CuoreSto scrivendo dal mio albergo di NY, dove sinceramente non vedevo l’ora di arrivare! Perché? Bè, oggi ho appena finito la ING New York City Marathon e sono veramente a pezzi.

Leggi tutto

2010
Giugno
07
Lun
Lunedì, 07 Giu 2010

Mental CoachingCiao, eccomi di nuovo qui a parlare di mental coaching applicato al calcio.

Leggi tutto


2010
Novembre
16
Mar
Martedì, 16 Nov 2010

I campioni del Mondo di Show Dance Production 2006 insieme al loro mental coach Alessandro MoraSe dovessi pensare ad una delle attività più comuni che gli sportivi fanno il giorno dopo la gara, probabilmente direi “comprare la Gazzetta dello Sport” (o qualunque altro giornale che parli della loro prestazione del giorno prima) oppure guardare i commenti su internet! :-)

Leggi tutto


2010
Agosto
31
Mar
Martedì, 31 Ago 2010

Inter Campione d’Europa 2010 e Campioni di Mental CoachingCiao a tutti sono Danilo, con questo mio primo articolo del blog vi parlerò di come i grandi campioni utilizzano (consciamente o inconsciamente) tecniche di Mental Coaching per raggiungere grandi e grandissimi risultati.

Leggi tutto


2010
Aprile
12
Lun
Lunedì, 12 Apr 2010

Lavorando in ambito golfistico so che la capacità di visualizzare per chi gioca a golf (ma vale anche per gli altri sport) è di grande importanza!

Leggi tutto

2011
Ottobre
24
Lun
Lunedì, 24 Ott 2011

Grazie per le emozioni che ci hai regalatoCiao a tutti, tocca a me scrivere di Mental Coaching in questi infausti giorni che ci hanno visto spettatori di un tragico evento sportivo, ma la vita è anche questa. Credo che la morte di Marco Simoncelli abbia lasciato un vuoto nel cuore di tutti noi, e ricordare un personaggio del suo calibro mi sembra doveroso!!

Leggi tutto

2010
Giugno
28
Lun
Lunedì, 28 Giu 2010

Juninho Pernambucano, specialista delle punizioni, forse ha utilizzato il mental coachingCome promesso nell’articolo precedente, sono ad illustrarvi un’applicazione concreta di come il mental coaching e l’anticipazione mentale del successo possono farti sfruttare al massimo un calcio di punizione.

Leggi tutto


2010
Ottobre
19
Mar
Martedì, 19 Ott 2010

Incredibile coreografia del Barça, fatta da uno Sport CoachOggi mi rivolgo agli allenatori, che spesso svolgono anche il ruolo di Sport Coach.

Una veloce premessa: non parlerò né di tecnica né di tattica, tu allenatore sei sicuramente molto più preparato di me.

Leggi tutto


2011
Settembre
12
Lun
Lunedì, 12 Set 2011

I Navy Seals utilizzano tecniche di Mental Coaching per superare le prove più dureMi rendo conto che il titolo sia molto forte, ma grazie al mental coaching, sto diventando un attento osservatore delle dinamiche della nostra mente e credo fortemente che nella maggior parte dei casi sia davvero così: FATICA FISICA = BULLSHIT!

Leggi tutto

Riester Vergleich pkv Finanzierung
© Ekis Sport - Ekis Srl - Via Cadoppi, 4 - 42124 Reggio Emilia
Tel. 0522.337.611 - Fax 0522.334.345 - www.ekis.it - info@ekis.it
Partita Iva 01882890351 - N. Reg. Impr. 13363/2000 - CCIAA 231797 RE